Regolamento Federazione Goccia Blu Italia.


Regolamento Federazione Goccia Blu Italia

ARTICOLO 1
Denominazione

La Federazioneè denominata Goccia Blu Italia.

ARTICOLO 2
Sede

La sede legale della Federazione coincide con il domicilio del Presidente in carica, e potrà essere trasferita altrove con decisione del Consiglio Direttivo. 

ARTICOLO 3
Finalità ed Attività

La Federazioneha struttura democratica e non ha scopo di lucro, perseguendo esclusivamente lo scopo di promuovere la cultura acquariofila; ampliare la conoscenza dell’Acquariofilia mediante contatti fra persone, Enti, Associazioni e Scuole; proporsi come luogo d’incontro e d’aggregazione nel nome d’interessi culturali e di ricerca, assolvendo la funzione sociale di maturazione e crescita umana e civile, attraverso l’insegnamento del rispetto perla Natura.

La Federazioneper il raggiungimento dei suoi fini intende promuovere varie attività, in particolare: 
– attività culturali: convegni, conferenze, dibattiti in seminari, incontri e lezioni (sia teoriche che pratiche), in cui ci si potrà avvalere anche di mezzi multimediali e di internet a fini didattici, esplicativi e informativi; 
– attività di formazione: istituzione di gruppi di studio e di ricerca, corsi d’aggiornamento, incontri con operatori del settore (amatoriali e non), collaborazioni e scambio di esperienze con altri Enti, Fondazioni, e Associazioni con particolare interesse verso Acquari del bacino mediterraneo, europei e, naturalmente, italiani;
La Federazione è indipendente da ogni movimento politico, da ogni organizzazione sindacale e da qualsiasi confessione religiosa.

ARTICOLO 4
Associazioni Federate Aderenti

Sono soci della Federazione le Associazioni Aderenti. Possono aderire alla Federazione Associazioni regionali ed inter-regionali senza scopi di lucro, regolarmente registrate, aventi finalità analoghe a quelle della Federazione, specificate nei singoli statuti. L’ammissione di ogni Associazione alla Federazione è deliberata dal Consiglio Direttivo della Federazione stessa su specifica domanda del richiedente, corredata da atto deliberativo proprio che approvi il Regolamento della Federazione, recependolo a maggioranza relativa (50%+1). Le Associazioni Federate Aderenti hanno diritto di partecipare alle attività della Federazione con piena parità e non è ammessa la temporaneità della partecipazione alla vita federativa. Le Associazioni Federate Aderenti hanno diritto ad eleggere gli Organi della Federazione e ad essere informate sulle attività della stessa. Le Associazioni Federate Aderenti conservano la loro autonomia decisionale, operativa e patrimoniale, secondo i loro Statuti. 

 

 

ARTICOLO 5
Qualità di Associazione Aderente: Cessazione

L’appartenenza alla Federazione cessa:
1.   per volontà di recesso (dimissioni) con richiesta scritta al Consiglio Direttivo della Federazione;
2.   per esclusione che viene deliberata dal Consiglio Direttivo, con quorum deliberativo dei due terzi dei Consiglieri in carica, in caso di comportamenti incompatibili con le finalità della Federazione, tali da arrecare danni morali o materiali alla Federazione stessa, o per inadempienza agli obblighi assunti ai sensi del Regolamento della Federazione accettato all’atto di iscrizione e per altri gravi e comprovati motivi.

ARTICOLO 6
Organi della Federazione

Gli Organi della Federazione sono:
 
1. Consiglio Direttivo

ARTICOLO 7
Consiglio Direttivo: Composizione

Il Consiglio Direttivo è composto dai rappresentanti delle Associazioni Aderenti.

Ogni Associazione Aderente ha diritto ad avere un singolo rappresentante nel Consiglio Direttivo.

Ogni Associazione Aderente eleggerà il suo rappresentante secondo le modalità del proprio regolamento interno. Il rappresentante non potrà essere un operatore del settore o un titolare di un esercizio commerciale del settore.

I membri del Consiglio Direttivo durano in carica tre anni e sono rieleggibili. Il Consiglio Direttivo elegge al suo interno il Presidente, il Vice Presidente ed il Segretario. E’ ammesso il voto per delega o per corrispondenza.

L’associazione di appartenenza del Presidente eletto ha diritto ad avere un ulteriore rappresentante all’interno del Consiglio Direttivo.

L’ingresso di un nuovo rappresentante nel Consiglio Direttivo avviene contestualmente con l’accettazione della nuova Associazione Aderente all’interno della Federazione.

Con lo scadere del mandato del Presidente si rielegge integralmente il Consiglio Direttivo indipendentemente dalla data d’ingresso dei singoli rappresentanti all’interno del Consiglio Direttivo.

 

ARTICOLO 8
Consiglio Direttivo: Funzionamento

Le riunioni del Consiglio Direttivo sono convocate dal Presidente di sua iniziativa o su richiesta di almeno tre consiglieri. Le riunioni del Consiglio Direttivo sono tenute presso il luogo indicato dal Presidente.

 Le convocazioni del Consiglio Direttivo sono effettuate a mezzo di lettera o altra comunicazione equipollente (telefax, telegramma o posta elettronica) da inviarsi ai Consiglieri almeno trenta giorni prima della data fissata per l’adunanza, con l’indicazione degli argomenti da trattare, del luogo e della data in cui si terrà la riunione. Il Consiglio è validamente costituito con la presenza di almeno la metà più uno dei suoi membri; le deliberazioni del Consiglio vengono prese con il voto favorevole della maggioranza dei presenti; in caso di parità prevale il voto del Presidente.

Per agevolare i contatti tra i singoli rappresentanti costituenti il Consiglio Direttivo sarà ritenuta valida anche una votazione ed una decisione ottenuta per via informatica (video conferenza, mailing list ecc).

Il Consiglio Direttivo si incontrerà comunque almeno una volta l’anno durante l’annuale Convegno Nazionale.

 

ARTICOLO 9
Consiglio Direttivo: Poteri

Il Consiglio Direttivo ha tutte le facoltà ed i poteri necessari per il conseguimento dei fini della Federazione e per la gestione ordinaria e straordinaria della Federazione stessa. Il Consiglio Direttivo può delegare alcune specifiche funzioni o incarichi al Presidente, a Consiglieri, a Federati o anche a terzi, determinando i limiti di tale delega. Il Regolamento Interno è redatto ed approvato dal Consiglio Direttivo. Il Regolamento Interno e sue eventuali modifiche vengono comunicate alle Associazioni Federate Aderenti con lettera e/o mail da inviarsi entro quindici giorni dalla delibera di adozione. Le Associazioni Federate Aderenti possono far pervenire al Consiglio Direttivo, che si riserva di recepirle, osservazioni motivate sul Regolamento adottato o sulle modifiche dello stesso entro sessanta giorni dal ricevimento della comunicazione.

Il Consiglio Direttivo discute, approva e gestisce i rapporti con gli operatori del settore che volessero proporre convenzioni o collaborazioni che possono riguardare tutte le Associazioni Aderenti della Federazione.

 

ARTICOLO 10
Consiglio Direttivo: Decadimento del Consigliere

L’appartenenza al Consiglio Direttivo cessa: 1. per dimissioni, che devono essere presentate per iscritto al Presidente o al Vice Presidente; 2. per scadenza del mandato; 3. per esclusione, deliberata dai due terzi dei Consiglieri con diritto di voto, in caso di comportamenti del Consigliere incompatibili con le finalità della Federazione, tali da arrecare danni morali o materiali alla Federazione stessa; 4. per non ottemperanza al Regolamento Nazionale,5. incaso di mancato rinnovo della tessera sociale dell’associazione Aderente di appartenenza (se prevista), 6. su richiesta motivata del Consiglio Direttivo dell’Associazione Aderente di appartenenza o per altri gravi e comprovati motivi.

ARTICOLO 11
Presidente del Consiglio Direttivo

Il Consiglio Direttivo è presieduto dal Presidente o, in sua assenza, dal Vice Presidente; qualora non sia presente nemmeno il Vice Presidente, il Consiglio è presieduto da un Consigliere designato dalla maggioranza dei presenti. Il potere di rappresentarela Federazionedavanti a terzi ed in giudizio, nonché quello di firmare nel nome della Federazione, spetta al Presidente del Consiglio Direttivo. Il Vice Presidente svolge le funzioni del Presidente in caso di sua assenza od impedimento.

Solo il Presidente del Consiglio Direttivo della Federazione, ed in suo assenza il vice Presidente, sono autorizzati a parlare a nome della Federazione.

ARTICOLO 12
Segretario

E’ compito del Segretario mantenere i registri della Federazione sia in formato cartaceo che informatico, inviare ai membri del Consiglio Direttivo le delibere redatte e fungere da collegamento tra il Consiglio Direttivo Nazionale e quelli Regionali.

ARTICOLO 13
Registri della Federazione

La Federazionesi dota del libro dei Verbali, in cui vengono trascritti i verbali delle assemblee e delle riunioni del Consiglio Direttivo. Il libro dei verbali viene curato dal segretario che lo tiene presso di se in via cartacea ed si impegna a metterlo a disposizione dei richiedenti anche in via informatizzata. 

ARTICOLO 14
Durata della Federazione

La durata della Federazione è stata stabilita fino a tempo indeterminato.

ARTICOLO 15
Convegno Nazionale

La Federazionecercherà ove possibile di organizzare un Convegno Nazionale annuale.

Ogni anno le singole Associazioni Aderenti potranno presentare al Consiglio Direttivo Nazionale la propria candidatura per l’organizzazione del Convegno Nazionale per l’anno seguente. In tale candidatura dovranno essere illustrate, quanto più dettagliatamente possibile, la locazione, il programma e l’organizzazione di tutta la logistica collaterale necessaria per il buon funzionamento dell’evento.

Il Consiglio Direttivo voterà a maggioranza tra le candidature pervenute cercando di privilegiare il principio di rotazione tra le Associazioni Aderenti.

Il Convegno Nazionale potrà essere effettuato per due anni nello stesso posto e dalla stessa Associazione Aderente solamente se non saranno pervenute altre candidature equivalenti da parte di altre Associazioni Aderenti.

Il Consiglio Direttivo approva e coordina le decisioni necessarie alla realizzazione del Convegno Nazionale ed i rapporti con le aziende e gli inserzionisti che partecipano all’evento.

Il Consiglio Direttivo si farà carico di contattare i media nazionali per pubblicizzare il Convegno Nazionale e di gestire i rapporti sia con i portali dedicati all’acquariofilia sia con altre associazioni che volessero partecipare.

Gli eventuali utili derivanti dal Convegno Nazionale restano a disposizione dell’Associazione Aderente organizzatrice che si impegnerà ad utilizzarli per la gestione delle attività dell’associazione stessa e per il conseguimento delle finalità del proprio statuto.

ARTICOLO 16
Associazioni Aderenti obblighi

Le Associazioni Aderenti si impegnano ad organizzare almeno un evento locale ogni tre anni pena l’allontanamento dalla Federazione. Per evento si intende: quanto illustrato nell’articolo 3 sotto la voce di attività culturali ed attività di formazione.

La gestione economica interna rimane delegata ad ogni singola Associazione Aderente edla Federazionenon interverrà in nessun modo nella stessa.

Le Associazioni Aderenti prima di organizzare un evento locale sono tenute a informare con largo anticipo il Consiglio Direttivo della Federazione e si impegnano a non organizzare iniziative di rilievo che possano sovrapporsi al Convegno Nazionale.

Le Associazioni Aderenti potranno a loro piacimento utilizzare sia il nome Goccia Blu all’interno della loro denominazione sociale che aggiungere e pubblicizzare l’appartenenza alla Federazione Goccia Blu Italia.

Le singole Associazioni Aderenti sono libere di gestire a loro piacimento i rapporti con le aziende e gli inserzionisti durante la gestione delle attività locali.

Gli eventuali utili derivanti dal Convegno Nazionale restano a disposizione dell’Associazione Aderente organizzatrice che si impegnerà ad utilizzarli per la gestione delle attività dell’associazione stessa e per il conseguimento delle finalità del proprio statuto.

Eventuali rimborsi spese per i membri del Consiglio Direttivo della Federazione sono a discrezione del regolamento interno delle varie Associazioni Aderenti.

Ogni Associazione Aderente rimane responsabile dei comportamenti dei propri soci ed il Consiglio Direttivo della Federazione non potrà essere chiamato a dirimere cause tra gli stessi.

Nel caso di esclusione dalla Federazione di una Associazione Aderente questa si impegna a rinunciare al nome Goccia Blu ed a rimuovere ogni simbolo di appartenenza alla Federazione Goccia Blu Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.